Siproimi (exsprar)

L’Italia è una porta di accesso naturale per l’Europa ed il flusso di migranti che arrivano nel nostro Paese, in cerca di un rifugio da cruenti conflitti, o, comunque, nella speranza di un futuro migliore è e sarà sempre significativo. E’ nell’interesse del Paese e del suo futuro che la complessità del fenomeno migratorio sia governata coniugando rispetto della legalità e diritti delle persone. Uno sforzo congiunto può consentire di uscire da logiche e pratiche di emergenza, ponendo al centro i principi della sostenibilità e dell’integrazione. Tale obiettivo implica scelte ed interventi afferenti ad una “filiera” ampia: dalla casa all’istruzione, dal lavoro al welfare ed alla sanità. Nella consapevolezza, tuttavia, della complessità di gestire in maniera efficace ed efficiente un fenomeno così rilevante, nel pieno e dovuto rispetto dei diritti umani,

Si impone una costante analisi sull’evoluzione delle strategie di accoglienza. E ciò anche alla luce dell’importante scelta politica del governo di abbandonare gradualmente approcci di natura emergenziale, per favorire la costruzione di una vera e propria infrastruttura nazionale in piena sintonia con Piano Nazionale 2016, che rappresenta lo strumento politico programmatico, di medio e lungo periodo, in raccordo con le politiche della Unione Europea e che vede come preliminare il coinvolgimento degli ottomila Comuni attraverso il Sistema SPRAR.

In questo quadro, è di rilevanza strategica il ruolo ed il modo attraverso cui le amministrazioni centrali, i Comuni, la cooperazione sociale e tutti gli altri attori coinvolti nei processi di accoglienza sono chiamati a dare il proprio contributo. La prospettiva di un’integrazione sostenibile è indispensabile affinché chi ha titolo a rimanere nel nostro Paese possa arricchire la propria appartenenza culturale, dotandosi di strumenti che permettano una vita indipendente, in grado di contribuire all’inserimento individuale ed alla crescita stessa della comunità ospitante.

Intra in convenzione con l’Ente Attuatore Solidarci scs Onlus attua il progetto SPRAR Ambito Territoriale A1, ammesso a finanziamento con decreto del Ministero dell’Interno n. 8876 del 30.6. 2017, con l’utilizzo di importanti risorse per la gestione dei flussi migratori, nell’ambito della rete SPRAR.

All’interno del progetto Sprar Ambito Territoriale A1  Intra Cooperativa Sociale Onlus si occupa di: mediazione linguistico-culturale, l’orientamento e l’accesso ai servizi del territorio,  formazione e la riqualificazione professionale, l’orientamento e l’accompagnamento, l’orientamento e l’accompagnamento all’inserimento abitativo, orientamento all’inserimento lavorativo, l’orientamento e l’accompagnamento all’inserimento sociale, la tutela psico-socio-sanitaria, assistenza legale ed alfabetizzazione.

 

I comuni coinvolti sono Frigento, Sant’Angelo all’Esca, Paternopoli e Ariano Irpino con un totale di 60 beneficiari.

Inoltre da dicembre 2018 Intra è partner del Progetto Sprar Valeria Solesin nel Comune di Torrioni.

 

 

 

Visit Us On FacebookVisit Us On Google PlusVisit Us On Twitter